La storia e l’universo di Ace Combat

Speciali
Salvo Privitera
Appassionato da sempre di videogiochi, serie tv e film. Vivo la mia vita un quarto di miglio alla volta cercando di evitare gli spoiler per tutta la roba che ho ancora da recuperare. E fidatevi, ne ho tanta.

Appassionato da sempre di videogiochi, serie tv e film. Vivo la mia vita un quarto di miglio alla volta cercando di evitare gli spoiler per tutta la roba che ho ancora da recuperare. E fidatevi, ne ho tanta.

La serie Ace Combat è una delle saghe più famose tra quelle prodotte da Bandai Namco, ed è entrata nella top 6 delle saghe più vendute da parte del publisher. Per chi non la conoscesse, la serie ci mette fra le mani diversi aerei da combattimento, in un misto tra azione simulativa e arcade.

Molti potranno pensare che la trama in questi giochi è vista come una parte secondaria, se non terziaria, dell’esperienza… nulla di più sbagliato! La saga di Ace Combat, è riuscita a creare una connessione di eventi comparabili a quelli di un novizio Metal Gear, con una lore e una storia per nulla semplici. In questo speciale, approfondiremo gli eventi che saranno da preludio ad Ace Combat 7 per farvi conoscere, a grandi linee, la storia dell’universo di Ace Combat.

Il mondo e le fazioni

Il mondo di Ace Combat si chiama Strangereal, una versione alternativa della Terra, che ne condivide alcune similarità nella forma dei continenti e nella locazione del sistema solare. 

I continenti del gioco sono fondamentalmente quattro:

  • Unione della Repubblica della Yuktobanian
  • Federazione di Osea
  • Regno di Erusea
  • Belka

Visto che la serie Ace Combat è composta da ben 16 capitoli, riassumeremo i principali eventi della timeline del gioco.

Ace Combat Zero: The Belkan War

Belka negli anni ’80 costruisce una grande forza militare per difendersi da eventuali attacchi da parte della Federazione di Osea. Diede il via quindi alla costruzione di massa di veicoli e armi, perfino di un sistema di difesa laser.

Ma un grande esercito vuol dire grandi costi di mantenimento, così ben presto Belka si trovò in piena crisi finanziaria. Per far fronte alla crisi e per continuare ad investire nel suo esercito, i capi del paese arrivarono alla conclusione di iniziare a vendere i loro territori più lontani. Ma nonostante ciò, la crisi continuò inevitabilmente. 

Così la Federazione di Osea decise di aiutare la vicina di casa, Belka, a rialzarsi, con il patto di un investimento molto fruttuoso per entrambi nelle risorse naturali del paese. Belka, finanziariamente con le spalle al muro, si vide costretta ad accettare ed investì così ingenti capitali su questo progetto.

Ma questo patto non portò nessun guadagno a Belka, visto che le terre non offrivano abbastanza risorse per guadagnare, affossando ulteriormente le finanze del paese e inasprendo i rapporti con la Federazione di Osea. Ma il peggio doveva ancora accadere.

Nel 1995 la Repubblica di Osea trovò importanti risorse naturali nelle terre comprate da Belka. Così Belka, come ultimo gesto disperato decise di invadere i territori circostanti, dando il via alla guerra.

Grazie ai loro investimenti nel settore militare, Belka riuscì facilmente a farsi strada nei territori limitrofi, fin quando non arrivarono ad Ustio, una piccola nazione all’interno della Repubblica di Osea, che non aveva alcuna speranza contro l’invasore.

Così quest’ultimi decisero di chiamare dei mercenari, lo Squadrone Galm, di cui fanno parte i protagonisti del gioco, Cipher e il suo gregario Pixy.

Da questo momento in poi, la guerra volge a favore della Repubblica di Osea, che riesce a respingere gli attacchi da parte di Belka. Nonostante Belka provò a chiedere la pace, quest’ultima venne respinta, visto che Osea approfittando della loro debolezza voleva conquistarne i territori.

Iniziò quindi una controffensiva spietata e, dopo essersi ripresa i territori, Osea decise di bombardare a tappeto i territori di Belka, decimando i civili. Belka, oramai allo stremo delle forze, decise di attuare la più estrema delle scelte, l’autodistruzione, autobombardandosi per ben sette volte con delle testate nucleari. Morirono più di 12000 anime.

La guerra finisce il Giugno 6 del 1995, qui Pixy sparisce misteriosamente durante una missione e viene dato per morto. 

Pixy, tuttavia, non morì durante la battaglia, ma decise di tradire il suo squadrone per tutte le atrocità viste e fatte, unendosi ad un’organizzazione terroristica chiamata Mondo Senza Confini, con lo scopo di distruggere tutti i confini e impedire altre guerre per la conquista dei territori. L’unico problema è che volevano usare armi nucleari per farlo. Questo loro piano venne poi sventato dallo stesso squadrone Galm e dall’ex compagno di Pixy, Chiper. 

Ulysses 1994XF04 

Siamo nel 1999 e un asteroide chiamato Ulysses 1994XF04, dal diametro di 1.6 Km stava per schiantasi sul pianeta. Così, i principali capi di Strangereal decisero di costruire una struttura chiamata Stonehenge, una rete di torri laser con lo scopo di disintegrare l’asteroide. 

I loro piani riuscirono, ma l’asteroide si divise in molti pezzi che colpirono svariati punti dei continenti, sterminando tantissime persone e strutture, portando così molte città e paesi nella fame e nella rovina più totale.

In particolare nel paese di Usea, (un altro paese differente dalla Repubblica di Osea) dove morirono più di 500.000 persone e più di un milione di abitanti persero le loro case e i loro lavori. Così le nazioni del pianeta lanciarono un’iniziativa: ogni nazione doveva ospitare una parte dei rifugiati e stanziare delle quote per la ricostruzione del paese in questione. Tutti accettarono tranne il Regno di Erusea.

Questo costò ad Erusea le inimicizie degli altri paesi che iniziarono a intimarle di fare il proprio dovere, altrimenti avrebbe ricevuto sanzioni, ritiro delle risorse del continente e altri pesanti dazi.

Così Erusea decise di passare alle maniere forti. Si impossesso di Stonehenge, avendo così dalla sua un’arma in grado di radere al suolo un intero continente.

 Ace Combat 04: Shattered Skies

Il mondo si divise in due schieramenti, il Regno di EruseaISAF (Indipendent States Allied Forces).

In questo conflitto troviamo l’unità Mobius 01, quella che verrà comandata dal giocatore, e lo Yellow Squadron, combattenti d’Elite di Erusea a difesa di Stonehenge.

Obiettivo principale dell’ISAF era quello di distruggere Stonehenge, e con l’operazione “Stone Crusher”, ci riuscirono. L’obiettivo principale dell’ISAF diventò successivamente la conquista della capitale del regno di Erusea, Farbanti.

Farbanti, capitale di Erusea.

Farbanti venne poi conquistata il 19 Settembre del 2005, grazie ad un attacco combinato fra terra, mare ed aria. Qui lo Yellow Squadron venne definitivamente sconfitto.

Diversi ufficiali di Erusia però, fuggirono dalla capitale per raggiungere Megalith, una struttura segreta che ospitava diversi missili nucleari. Che gli ufficiali di Erusia volevano lanciare come rappresaglia. L’ultima missione di Mobius fu quella di distruggere il complesso di Megalith.

Megalith.

Ma la storia di Erusea non finisce qui, nel 2006 infatti, venne istituito un movimento chiamato Free Erusea, con in compito di liberare Erusea dall’ISAF e ridargli l’indipendanza. L’ISAF quindi avviò l’Operazione Katina, con lo scopo di distruggere Free Erusea

Ace Combat 5: The Unsung War

Siamo nel 2010, il mondo è in pace, e anche le due superpotenze, Osea e Yuktobania, in perenne stato di guerra fredda, decisero di seppellire l’ascia da guerra, portando il mondo ad una lunga tranquillità e prosperità.

Così, visto che la pace era ormai consolidata, Osea decise di spostare i fondi per la ricerca militare in quella per la ricerca spaziale. Ma la pace non durò a lungo; infatti degli aerei sconosciuti invasero lo spazio aereo di Osea per un attacco a sorpresa.

I protagonisti di questa avventura sono i membri dei Wardog Squadron, a difesa di Osea. Oltre a difendere lo spazio aereo del paese, i Wardog avevano il compito di scoprire da chi era stato ordinato l’attacco al paese.

I membri dello squadrone Wardog

Successivamente veniamo a conoscenza che l’attacco misterioso è stato condotto dalla Yuktobania, che decise così di dichiarare subito guerra ad Osea, con un massivo attacco a sorpresa.

Lo squadrone Wardog riesce a salvare il salvabile, inclusa la porta aerei Kestrel, che avevano già provato a distruggere nel primo attacco. Riuscendo a respingere le truppe nemiche.

L’attacco di Yuktobania aveva causato ingenti perdite, ma riuscirono a respingere l’attacco; adesso toccava ad Osea attaccare. Dopo diverse operazioni, Osea lancia l’attacco contro la superfortezza Yuktobaniana “Cruik”. Nonostante le perdite, l’operazione è un successo ma durante il ritorno alla base, Wardog viene attaccato dall’8492esimo squadrone, con il supporto di numerosi arei nemici, di origine sconosciuta.

Cruik

Alla base i membri dello squadrone  riescono a scappare da un attentato da parte di una spia nemica proveniente da Belka. Il paese di Belka era infatti il vero colpevole dietro la guerra fra le due superpotenza, che voleva vendicarsi per quello successo molti anni prima (negli eventi di Ace Combat Zero). I Belkani avevano infatti occhi e orecchie ovunque, perfino fra le forze militari di Osea e della Yuktobaniana.

Lo squadrone all’interno della base riesce a fuggire grazie a degli aerei d’addestramento e, durante l’inseguimento aereo, per far perdere le loro tracce, si schiantano in mare di proposito. 

Qui viene in soccorso dello squadrone la porta aerei Kestrel, già al corrente del coinvolgimento di Belka. Lo squadrone Wardog decide quindi di unirsi alla squadra di Kestrel, per mettere fine alla guerra in atto. Qui lo squadrone riceve un nuovo nome e un nuovo emblema, facendosi chiamare Razgriz

Grazie alle operazioni condotte dai Razgriz, i due paesi riescono a ritornare di nuovo in pace, attribuendo a Belka la colpa della guerra. Quest’ultima aveva già in mente un nuovo piano.

I Belkani presero il controllo del SOLGun cannone orbitale oseano con una potenza di fuoco tale da distruggere una città con un colpo solo, potenziato ulteriormente con le armi Belkane. I Razgriz riescono però a sventare i piani nemici, venendo acclamanti come eroi.

Preludio di Ace Combat 7

Sono passati 9 anni dagli eventi di Ace Combat 5, e il mondo sta vivendo un periodo di pace. Osea è sempre una super potenza, che continua a prosperare ed investire nelle ricerche tecnologiche. Arrivando a costruire perfino un ascensore spaziale nel continente di Usea. Ma qualcuno del regno di Erusea non gradisce molto questa loro avanzata. 

Erusea era ancora sotto il controllo dell’ISAF, ma sembra che sia riuscito ad ottenere di nuovo l’indipendenza, diventando ancora una volta un regno.

Come? Non lo sappiamo, lo scopriremo insieme in Ace Combat 7!

Altri articoli in Speciali

Rage Quit Era – Quando l’intrattenimento diventa frustrazione

Francesco Palmiero19 Febbraio 2019

Nintendo Direct – Recap veloce di tutte le novità presentate durante l’evento

Andy Bercaru14 Febbraio 2019

Le 6 storie d’amore più belle dei videogiochi – Speciale San Valentino

Francesco Damiani14 Febbraio 2019

Jump Force – I personaggi che vorremmo vedere

Salvo Privitera11 Febbraio 2019

Apex Legends: i Personaggi – Abilità e storia

Salvo Privitera10 Febbraio 2019

Kingdom Hearts Saga – The Story So Far (Parte 3)

Andy Bercaru8 Febbraio 2019