Russia vs Pokémon GO: c’è lo zampino della CIA

Speciali
Stella Artuso
Classe 1994. Friulana d’origine, barese di nascita e scozzese d’adozione, (ma non lo dite al suo accento, lui è americano e non ammette ragioni!) Stella cresce con la sindrome di Lady Oscar. Si avvicina al mondo nerd in tenera età, complici l’avversione per il rosa e le sfide all’ultimo sangue con un padre che non ammette sconfitte a Max Payne. E a GTA. E a Need for Speed. E…insomma! Un padre che non ammette sconfitte. Ducatista sfegatata, ha una passione per ogni cosa che abbia ruote (biciclette escluse n.d.a) ed è affetta da bibliomania incurabile. È molto probabile che muoia seppellita dai suoi stessi libri o per una battuta al momento sbagliato e ad una persona sbagliata.

Classe 1994. Friulana d’origine, barese di nascita e scozzese d’adozione, (ma non lo dite al suo accento, lui è americano e non ammette ragioni!) Stella cresce con la sindrome di Lady Oscar. Si avvicina al mondo nerd in tenera età, complici l’avversione per il rosa e le sfide all’ultimo sangue con un padre che non ammette sconfitte a Max Payne. E a GTA. E a Need for Speed. E…insomma! Un padre che non ammette sconfitte. Ducatista sfegatata, ha una passione per ogni cosa che abbia ruote (biciclette escluse n.d.a) ed è affetta da bibliomania incurabile. È molto probabile che muoia seppellita dai suoi stessi libri o per una battuta al momento sbagliato e ad una persona sbagliata.

Giocare a Pokémon GO in Russia, a quanto pare, può rivelarsi pericoloso. Purtroppo, stando alle ultime notizie, sembra infatti esserci il rischio di finire addirittura dietro le sbarre.

La Russia non è particolarmente entusiasta dell’ultimo nato in casa Niantic e Nintendo. A sperimentare un primo antidoto per la Pokémon-mania è stata la città di Mosca, che avrebbe cercato di sostituire l’applicazione con una di sua invenzione. Quest’ultima permetteva agli utenti di ‘catturare’ personaggi e figure storiche in giro per la capitale (d’altra parte è anche l’unico luogo in cui effettivamente l’applicazione può funzionare!). Peccato che, per ora, non sia possibile far combattere Ivan il Terribile e Pietro il Grande.

La preoccupazione maggiore è che l’applicazione faccia parte di un’operazione psicologica occidentale, intesa ad influenzare le menti dei giovani e che “potrebbe spianare la strada ad una rivoluzione“.

Denis Voronenkov, leader del Partito Comunista Russo – il secondo nel Paese per grandezza – teme che i giocatori “possano divenire insospettabili complici di attacchi terroristici”  e che la CIA abbia creato l’applicazione “per attività spionistiche non-stop” in Russia.

Altri articoli in Speciali

E3 2018: super recap della fiera losangelina più importante del settore videoludico

Andy Bercaru19 giugno 2018

Microsoft E3 2018: Riassunto conferenza e tutti i giochi annunciati

Salvo Privitera15 giugno 2018

OnRush, la Recensione

Carmen Graziano13 giugno 2018

Resoconto conferenza Nintendo E3 2018, tutte le news dell’evento

Alessandro Niro12 giugno 2018

Resoconto conferenza Sony PlayStation E3 2018, tutte le news dell’evento

Alessandro Niro12 giugno 2018

Resoconto conferenza PC Gaming Show E3 2018, tutte le news dell’evento

Alessandro Niro12 giugno 2018