Kingdom Hearts Saga – The Story So Far (Parte 3)

Speciali
Andy Bercaru
Appassionato del mondo videoludico e della tecnologia già da quando era un bimbo in Beta Testing. Ama i giochi quasi quanto il Wrestling ed il Metalcore!

Appassionato del mondo videoludico e della tecnologia già da quando era un bimbo in Beta Testing. Ama i giochi quasi quanto il Wrestling ed il Metalcore!

ATTENZIONE!! Il seguente articolo conterrà spoiler riguardanti l’intera saga di Kingdom Hearts. Se in futuro volete recuperare i titoli per sperimentare con le vostre mani e con i vostri cuori l’opera creata da Tetsuya Nomura, allora vi consigliamo caldamente di non proseguire con questo speciale. Utente avvisato, mezzo salvato!

Quando ci eravamo lasciati (per recuperare la parte 2 della storia cliccate qui), la nostra storia si concludeva con un Sora lasciato in uno stadio comatoso. Il ragazzo, come ben sapremo ormai, rimase pian piano senza i suoi ricordi effettivi. Naminè, costretta dall’organizzazione XIII, cancellò parte dei ricordi di Sora per rendere lui debole e di conseguenza dare forza a Roxas (il nessuno di Sora). Tuttavia, grazie al suo cuore forte, il ragazzo riuscì a salvare Naminè dalle grinfie dei cattivi. Così facendo, Sora scoprì che Naminè (insieme a DiZ) aveva il “potere” di rigenerare la memoria del ragazzo, ma per far questo, esso doveva rimanere “intrappolato” in un lungo sonno.

In parallelo a questi avvenimenti, abbiamo fatto conoscenza anche di Roxas, ovvero la controparte di Sora (il suo nessuno). Il ragazzo, trovato senza memorie davanti ai cancelli della villa di Crepuscopoli, si lasciò ingannare da Xemnas (il nessuno di Xehanort), diventando cosi il tredicesimo membro dell’oscura organizzazione. Ma non dopo molto tempo, Roxas capì di essere usato per i malefici scopi di Xemnas. Come conseguenza esso decise di ribellarsi (specialmente dopo la scomparsa dell’amica Xion) e di chiedersi quale sia la sua vera natura. Una volta scoperta, il ragazzo, accecato dalla rabbia, decise di affrontare Xemnas e di ucciderlo, ma ad opporsi a questo sciocco desiderio fu niente meno che Riku.

Quando la volontà d’animo supera la ragione…

Riku spiegò a Roxas di non poter rischiare a lasciarlo combattere, per il semplice motivo che, una morte di Roxas poteva mettere in pericolo il ritorno effettivo di Sora. Roxas inizialmente riesce ad avere la meglio su Riku, mettendo quasi KO il ragazzo. Come sacrificio supremo, Riku si lascia abbandonare alle tenebre, per mettere fine alla pazzia di Roxas. Così facendo però, Riku prese totalmente le sembianze di Ansem (l’Heartless), sparendo nell’oscurità una volta consegnato Roxas a DiZ. Quest’ultimo rinchiude Roxas in un mondo digitale, per tenerlo lontano dall’organizzazione XIII. Così facendo, Roxas rimarrà senza memorie effettive e pian piano riuscirà a tornare di spontanea volontà da Sora.

Nothing’s like before (Kingdom Hearts 2)

Nel nuovo mondo digitale creato da DiZ, Roxas sembra di vivere una vita totalmente normale. Infatti il ragazzo penserà di essere un comune ragazzino. Con il passare del tempo, Roxas stringerà sempre più con i suoi nuovi amici, ovvero Pence, Hayner e Olette. Essi si dedicheranno giorno e notte a vivere nuove avventure, in attesa che le vacanze estive finiscano. Tuttavia, anche se il mondo intorno a Roxas sembra di base perfetto, qualcosa pian piano inizia ad andare storto. Il ragazzo, sempre più spesso, inizia a sognare delle sequenze particolari. Queste sequenze non sono altro che frammenti di memoria residui appartenenti ovviamente a Sora. Anche se inizialmente Roxas cercherà di far finta di niente, le cose inizieranno a complicarsi quando i Nobodies cominceranno a invadere la città di Crepuscopoli. In tutto questo casino, anche un vecchio amico del ragazzo si farà vedere, ovvero Axel. Quest’ultimo cercherà di far ricordare a Roxas il suo passato, nella speranza di convincere esso a tornare fra i membri dell’organizzazione.

Il tentativo di Axel tuttavia fallisce grazie all’intervento di DiZ che riesce a spingere il ragazzo fuori dal mondo digitale. Ad influire nella respinte dell’attacco, contribuirà anche Roxas che, grazie al suo cuore, riuscirà ancora una volta ad evocare la Keyblade. Dopo “l’attacco” e l’effettivo intervento di DiZ, Roxas riuscirà ad incontrare anche Naminè. Essa cercherà di spiegare al ragazzo qual è la sua vera natura e perché esso continua a fare quei strani sogni. Durante questo processo, il cuore di Roxas inizia a legarsi anche a quello di Kairi (la controparte umana e completa di Naminè). Proprio grazie a questa connessione, Naminè riuscirà a tenersi in contatto con il ragazzo, svelando a lui pian piano i dettagli sul suo essere. Infatti Roxas finalmente scopre di essere il Nessuno di Sora e che il suo “destino” sta nell’unirsi con quest’ultimo. Così facendo, Sora riuscirà a svegliarsi dal suo stadio comatoso e metterà fine ai piani dell’organizzazione XIII.

Axel cercherà di far ragionare il suo caro amico in tutti i modi possibili…

Con qualche giorno lasciato alle spalle, Roxas cercherà di capacitarsi su quello che esso è riuscito a scoprire grazie a Naminè. Ancora una volta il ragazzo verrà approcciato da Axel che, questa volta sarà deciso di eliminare il ragazzo se esso non tornerà tra i membri dell’organizzazione. DiZ interverrà anche questa volta, guidando Roxas verso la vecchia villa di Crepuscopoli dove il ragazzo dovrà compiere il suo destino. Arrivato alla villa, Roxas incontrerà ancora una volta Naminè. La ragazza però, farà sapere a Roxas che, unendosi con Sora esso non sparirà, ma diventerà una persona “completa” all’interno di Sora. DiZ ferma la ragazza nel tentativo di non farle dire qualcosa fuori contesto, e porta essa in un’altra parte della villa. Prima di sparire, Naminè promette a Roxas di incontrarlo anche in futuro anche se essi non si ricorderanno più l’uno dell’altro.

Dopo l’ultimo incontro con Naminè, Roxas riuscirà ad acquisire tutti i suoi ricordi, capendo di aver vissuto dentro una simulazione per un lunghissimo tempo. Accecato dalla rabbia, Roxas distruggerà il computer di DiZ, cancellando così ogni traccia del mondo digitale. Tuttavia, lasciato alle spalle questo “piccolo” problema, il ragazzo dovrà affrontarne un altro più grosso. Infatti Axel, ancora una volta decide di affrontare l’amico, nella speranza di riportare esso indietro. Roxas comunque, riuscirà ad avere il meglio su Axel, spingendo esso in una vergognosa ritirata, ma non prima di promettergli che in futuro essi si rivedranno. Tuttavia Axel fa capire al ragazzo che per lui, a differenza di Roxas, non ci sarà un futuro visto il fallimento della sua missione.

Dopo un lungo incontro ed una ricerca ancora più lunga, Roxas riuscirà a trovare la camera dove Sora rimase in coma per tutto questo periodo. Con le lacrime agli occhi, il ragazzo accetterà la sua sorte e deciderà di unirsi a Sora. Questo farà risvegliare dopo un lunghissimo tempo il nostro eroe del Keyblade. Per non perdere ulteriore tempo, Paperino e Pippo consigliano al ragazzo di incontrare il maesto Y il maestro svellerà ad esso l’esistenza dei Nessuno e specialmente dell’organizzazione XIII. Il ragazzo, una volta scoperto il punto della situazione, decide subito di mettersi in viaggio e ritrovare Riku ed il Re, così da fermare i piani dell’organizzazione. Anche Malefica riesce ad ritornare in vita grazie all’oscurità presente nel suo cuore e deciderà di riprendere i suoi piani nella conquista del Kingdom Hearts.

Nel frattempo, Axel riesce a raggiungere le Isole del Destino ed incontrare Kairi. Esso riuscirà ad ingannare la ragazza, con la promessa di portare essa da Sora. Tuttavia, Riku riesce a salvare la ragazza apprendo un portale verso la città di Crepuscopoli, che Kairi  attraverserà di conseguenza nella speranza di sbarazzarsi di Axel. Il tentativo risulterà comunque vano, essendo che Axel riuscirà a catturare la ragazza e rinchiuderla nelle celle dell’organizzazione. Nel frattempo nella Hollow Bastion, il gruppo formato da Leon ed i suoi amici, cercheranno di riportare in vita l’isola e scoprire nuovi dettagli su Ansem il Saggio e la sua ricerca. Dopo svariato tempo, Sora riuscirà a trovare il laboratorio segreto di Ansem. Dentro di esso, il ragazzo scoprirà un computer pieno zeppo di dati criptati che nascondono la verità dietro le ricerche dello scienziato.

Essendo che dentro il PC ci sono anche dati della ricerca di Xehanort, Xemnas cercherà di impedirne l’accesso. Infatti esso deciderà di attaccare Hollow Bastion con un intero esercito di Heartless, nella speranza di fermare Sora ed i suoi amici. In questa battaglia si unirà anche il Re Topolino che, dopo una lunga scomparsa, spiega dove esso si sia “rinchiuso”.

Dopo la chiusura della porta del Kingdom Hearts, Topolino riuscì a ritrovare la porta della luce. Una volta tornato nel mondo normale, esso decise di infiltrarsi tra i membri dell’organizzazione XIII per scoprire i veri intenti di Xemnas ed i suoi pupilli. Inoltre, Topolino svela anche le verità su Ansem e Xemnas, spiegando che essi sono esseri creati dalla separazione del cuori di Xehanorth.

Sora, una volta incontrato il Re chiederà senza esitazione che cosa esso sa di Riku, ma il Topolino si rifiuterà di rispondere. Tuttavia durante il combattimento di Hollow Bastion, Xemnas fa sapere a Sora che Topolino sa esattamente che fine abbia fatto il suo amico. Dopo questa informazione Xemnas decide di ritirarsi nell’oscurità, con Topolino che lo seguirà senza esitazione. Sora nel frattempo incontrerà un Axel deciso di tradire l’organizzazione e svelare al ragazzo il vero intento di essa. Tuttavia esso sarà fermato da Saix (la mano destra di Xemnas ed uno dei migliori amici di Axel), il quale deciderà di dire a Sora solo una parte dell’obbiettivo effettivo dell’organizzazione.

“Per chi se lo fosse dimenticato, Xemnas avrebbe l’intenzione di raccogliere cuori per ricreare un Kingdom Hearts artificiale ed usufruire del suo potere. Tuttavia, per fare una cosa simile, ha bisogno di un’arma come il Keyblade, capace di catturare i cuori degli heartless ed immagazzinarli nel Kingdom Hearts.”

La vera definizione di oscurità risiede in Xemnas!

Dopo l’incontro con Saix, Sora capirà di essere stato usato come una pedina per gli sporchi piani dell’organizzazione. Il ragazzo quindi deciderà di non attaccare più i vari heartless lasciandosi così vulnerabile davanti agli attacchi di Saix e dei suoi Heartless. Tuttavia, in aiuto del ragazzo arriverà Malefica, la quale lo salverà grazie ai suoi Heartless. Sora riuscirà a scappare e ad avventurarsi verso un ultimo scontro conto l’intera organizzazione, ma non prima di ritornare nella città di Crepuscopoli. Qui scoprirà il PC di DiZ ed il mondo simulato creato da quest’ultimo. Nella speranza di trovare ulteriori informazioni, Sora deciderà di entrare dentro la simulazione stessa. Una volta dentro però, esso verrà intrappolato da una marea di Nessuno. Tuttavia, Axel arriverà in aiuto del ragazzo e sacrificherà la sua vita per salvare Sora. Prima di svanire, Axel si scusa per aver rapito Kairi e svela a Sora la posizione di essa. Inoltre esso spiega che le sue azioni furono condizionate dall’amore verso il suo amico Roxas.  Tuttavia Axel con le ultime forze aprirà un portale verso la posizione esatta dell’organizzazione.

Leggi anche:  [RUMORS] Marvel Crossover con gli X-Men: Dovremo aspettare la Fase 5?

Il noestro eroe quindi, deciderà di attraversare il portale e a mettere fine, una volta per tutte ai piani di Xemnas e dell’organizzazione XIII. Prima di arrivare alla posizione esatta dei cattivi, Sora verrà trasportato nelle profondità del suo cuore da Roxas. Qui il ragazzo verrà messo alla prova dalla sua “controparte” per vedere se esso, è veramente degno del titolo che porta (ovvero eroe del Keyblade). Sora riuscirà ad avere il meglio su Roxas, con quest’ultimo rimasto soddisfatto dallo scontro. Una volta tornato nel mondo “reale”, Sora si raggrupperà con Topolino e gli altri per avventurarsi verso la battaglia finale. Nel frattempo, Kairi riuscirà a liberarsi dalla sua prigione grazie all’intervento di Naminè, che porterà la ragazza verso la libertà. Ancora una volta Saix cercherà di impedire il tutto, ma questa volta verrà affrontato da una misteriosa figura incappucciata che avrà la meglio. Dietro il cappuccio tuttavia, risiede Riku stesso (con le sembianze di Ansem l’Heartless). Il ragazzo, esattamente come Topolino, dopo essersi liberato dal mondo oscuro, decise di infiltrarsi nell’organizzazione per tenere al sicuro Sora a Kairi.

Nel frattempo, Sora e i suoi amici, riescono a raggiungere il castello. Topolino tuttavia decide di seguire DiZ nella speranza di scoprire più dettagli su quello che sta accadendo. Nel mentre, Saix intrappola ancora una volta il gruppo con un massiccio numero di Heartless, ma ancora una volta, a salvare il ragazzo sarà Malefica. Grazie al salvataggio di Malefica, Sora riuscirà a riunirsi con Kairi e Riku ed insieme riusciranno a sconfiggere quasi tutti i membri dell’organizzazione eccetto Xemnas stesso. Dopo una lunga ricerca, Topolino riuscirà ad incontrare DiZ che si rivelerà con il suo vero aspetto (ovvero quello di Ansem il Saggio). Esso verrà a sapere che Ansem, avrebbe già pianificato come sconfiggere Xemnas ed il suo Kingdom Hearts artificiale. Usando un dispositivo speciale, esso spegnerà del tutto il KH creato da Xemnas.

Quest’ultimo cercherà di fermare Ansem, ma senza speranza essendo che il vecchi saggio, riuscirà a portare a buon fine il compito di distruggere il Kingdom Hearts. Tuttavia durante il processo, Ansem diventerà una vittima collaterale, scarificandosi insieme alla macchina da lui creata.

Due amici contro il male assoluto…chi avrà la meglio?

Durante l’esplosione della macchina tuttavia, Riku riesce a tornare alla sua vecchia forma, liberandosi delle sembianze di Ansem l’Heartless. Anche il Kingdom Hearts artificiale verrà distrutto una volta per tutte, ma la minaccia di Xemnas rimarrà ancora presente. Sora, Riko & Co. deciderà di mettere fine una volta per tutte a Xemnas ed affrontarlo un’ultima volta. I ragazzi avranno la meglio su Xemnas e tutto sembrerebbe tornare alla normalità. Grazie ad un portale, una parte degli amici riuscirà ad salvarsi. Tuttavia Riku e Sora rimarranno intrappolati dentro il castello dell’organizzazione, scoprendo che Xemnas in qualche  modo è rimasto ancora in vita. I nostri due eroi useranno tutto il loro potere distruggendo finalmente Xemnas, ma rimarranno intrappolati nel mondo dell’oscurità. Grazie ad un messaggio di Kairi (rinchiuso in una bottiglia di vetro) i due riusciranno ad aprire la porta della luce che trasporterà Sora e Riku sulle Isole del Destino. Qui, tutti i nostri eroi si incontreranno  e festeggeranno la “rimpatriata” e perché no, la vittoria su Xemnas e sull’organizzazione.

My heart’s a battleground (KH: Recoded & Dream Drop Distance)

Dopo le lunghe avventure affrontate durante tutto questo arco temporale, anche il Grillo Parlante (che accompagnò e annotò tutti gli eventi nel suo diario) decise di ritornare al castello di Re Topolino. Tuttavia, una volta arrivato, scoprì di essere in possesso, non di uno, ma di ben due diari. In uno di essi, tutto risulterà normale ed tutti gli avvenimenti vissuti saranno presenti al interno del diaro. Nel secondo invece le cose cambiano drasticamente essendo che, esso presenterà solo una frase che reciterà ‘’Ringraziare Naminè’’.

<<La frase fu scritta dal grillo stesso durante gli avvenimenti di KH: Chain of Memories. Insieme a Sora, infatti, decise di annotarsi questo piccolo particolare, così da non dimenticare la figura di Naminè. Tuttavia, come ben sappiamo, una volta che i ragazzi uscirono dalla camera di rigenerazione, persero ogni ricordo riguardante il castello dell’oblio.>>

Incuriosito dalla misteriosa frase, il grillo cercherà di capirne il pieno significato. Andando avanti con le pagine, però, scoprirà un secondo messaggio misterioso che reciterà ‘’Il loro dolore sarà alleviato quando tornerete a mettergli fine’’. Visto che né il grillo né il re riescono a trovare un significato a questa frase, quest’ultimo deciderà di digitalizzare il contenuto dei due diari. Una volta svolto il processo, esso creerà anche una versione digitale di Sora che verrà inviata all’interno dei due diari per scoprirne i misteri che si nasconderebbero al loro interno (e ovviamente scoprire chi sono questi ‘’sofferenti’’).

Il Data-Sora, rivivrà in maniera pressochè identica le avventure del Sora reale, con l’unica differenza che durante le sue avventure, Data-Sora incontrerà una figura incappucciata. Essa si rivelerà ad essere un Roxas creato con i dati che offrirà il suo aiuto al Data-Sora. Grazie a Data-Roxas Data-Sora incontrerà anche la figura di Naminè (sempre creata con i dati) che svelerà al ragazzo il fatto che Sora sia una ‘’chiave’’ di collegamento fra vari esseri. Naminè inoltre rivelerà anche informazioni su Aqua, Terra e Ventus e spiegherà al Data-Sora che anche essi sono legati al cuore del Sora reale. Queste sono le vere figure che si ‘’nasconderebbero’’ dietro la parola di ‘’sofferenti’’ e Sora dovrà salvarli nella vita reale. Una volta scoperti questi dettagli, il secondo diario scomparirà ed i dati raccolti serviranno come ‘’reminder’’ ai nostri eroi.

Proprio grazie a queste informazioni, Topolino decide di incontrare il suo vecchio maestro Yen Sid. Insieme decideranno di dare via ad una ricerca per ritrovare i 3 eroi originali del Keyblade. La posizione di Aqua è risaputa da Topolino dato che la ragazza si sacrificò nel regno oscuro per il re e Riku. Se riusciranno salvare Aqua, potrebbero arrivare anche alla posizione di Ven, rimanendo solo con Terra ancora da trovare. Nel frattempo scopriamo anche che, grazie alla distruzione dell’ Heartless e del Nessuno di Xehanort, la forma originale del maestro Xehanort tornerà quella iniziale, creando cosi un potenziale pericolo per gli eroi del keyblade.

I nostri ragazzi sembrano pronti per l’esame finale…

Yen Sid considererà la minaccia troppo grossa da affrontare per un solo maestro del Keyblade e cosi, di comune accordo con Topolino, decide che Riku e Sora sono pronti ad affrontare il loro esame per diventare maestri veri e propri. Topolino quindi scriverà ai due ragazzi una lettera per spiegare a loro cosa è riuscito a scoprire e ad annunciare loro che dovranno affrontare l’esame finale per diventare maestri. In parallelo a questi eventi, scopriremo che Aqua  riuscirà ad incontrare nel regno dell’oscurità Ansem il saggio. Infatti il vecchio scienziato fu trasportato qui dopo l’esplosione rilasciata dalla macchina da lui creata. Aqua, grazie ad Ansem, verrà a conoscenza di Sora ed, inoltre, lo scienziato svelerà alla ragazza di aver nascosto dati veramente importanti dentro Sora. Ansem spera che un giorno Sora scoprirà quei dati e li userà per liberare lui e tutti quelli collegati al cuore di Sora, dal regno oscuro.

Spostando lo sguardo al Radiant Garden (il vecchio Hollow Bastion), verremmo a scoprire che i membri dell’organizzazione XIII sono riusciti a ritornare nella loro forma umana (dato che, come per Xehanort, le loro controparti furono distrutte). Tutti i membri sembrano riuniti con l’eccezione di Isa (la forma umana di Saix) e Braig che sembrerebbero scomparsi del tutto. Tutti i membri sembrano aver conservato i loro ricordi della loro forma da Nessuno, tuttavia essi non nutrirebbero rancore verso Sora e Riku. Addirittura Lea (Axel umano), si ricorda della promessa fatta ai due amici (Roxas e Xion) e decide così di andare a cercare i restanti Nessuno (poi convertiti in umani, ovvero Saix e Braig).

Tornado ai nostri eroi, Sora e Riku, essi appaiono davanti al maesto Yen Sid per ricevere le loro istruzioni così da affrontare il loro esame finale. La prova consisterà nel visitare diversi mondi ricostruiti dopo l’attacco degli heartless, che sembrano essere rimasti in uno stadio di ‘’Sonno Profondo’’. I due eroi del Keyblade quindi avranno il ruolo di ‘’risvegliare i mondi’’ e riportarli nel regno della luce. Una volta svolto questo compito, saranno pronti di affrontare la minaccia di Xehanort e diventare maestri del Keyblade.  E così, i due ragazzi vengono inviati indietro nel tempo alle Isole del Destino per entrare nel regno del sonno dei vari mondi.  Sora riuscirà a tuffarsi nei sogni dei mondi, ma Riku si tufferà inconsapevolmente nei sogni di Sora diventando di conseguenza un Dream Eater e proteggendo quest’ultimo dai suoi incubi.

Mentre i due ragazzi saranno impegnati con le varie prove, Topolino verrà a conoscenza del rapimento di Minnie da parte di Malefica e Pietro. Il re, insieme ai suoi fedeli sudditi (ovvero Paperino e Pippo) decidono di mettersi subito in viaggio per salvare la regina. Malefica offrirà un patto ai 3 eroi, ovvero quello di consegnare i dati ricavati dal grillario, in cambio della vita di Minnie. Ovviamente il re si rifiuterà categoricamente nel cedere tale informazioni, ma a quanto sembrerebbe la situazione verrà salvata dallo stesso Lea. Egli riuscirà a mettere in fuga i cattivi e salverà la regina dalle grinfie di Malefica e Pietro. Lea tornerà insieme a Topolino dal maesto Yen Sid dove il ragazzo farà una richiesta molto strana. Lea desidererà di diventare un vero eroe del Keyblade cosi da avere la capacita di salvare e proteggere i suoi amici. Yen Sid avverte il ragazzo che il percorso da compiere sarà molto pericoloso ma Lea insisterà nell’ essere allenato. Yen Sid accetterà la proposta del ragazzo e lo affiderà alla custodia di Merlino e le tre Fatine per un lunghissimo periodo.

Leggi anche:  40 minuti di gameplay di Battlefield 1

Nel frattempo, nei mondi dormienti, Sora e Riku incontreranno di nuovo le figure di Xemnas e Ansem l’ Heartless, insieme alla figura di un misterioso giovane. Dopo aver chiuso con successo le 7 serrature del mondo e svegliato i mondi dormienti, Sora verrà trasportato nel mondo reale e nel mondo che non esiste (ovvero dove si trovava la sede dell’organizzazione XIII). Qui Sora incontrerà Braig, che ancora una volta scelse di diventare il suo Nessuno, ovvero Xigbar. Anche il misterioso giovane ricompare, mettendo però Sora in uno stato di sonno profondo. Dentro il sogno di Sora, il giovane mostra la sua vera identità, ovvero quella di un giovane Xehanort. Quest’ultimo svelerà a Sora la sua capacità di viaggiare nel tempo. Sora cercherà in tutti i modi una via d’uscita dallo stadio di sonno prodotto da Xehanort e lungo la strada ‘’del ritorno’’ si imbatterà svariate volte nelle figure di Naminè, Roxas, Xion, Terra, Aqua e Ventus. Ogni incontro renderà il cuore del ragazzo sempre più debole lasciandolo, di conseguenza, molto vulnerabile.

Una vota arrivato alle porte del castello, Sora incontrerà ancora una volta la figura di Xemnas e quella di Xigbar. Essi spiegheranno a Sora che il vero motivo per cui Xehanort ha continuato a viaggiare nel tempo sarebbe stato quello di riunire e raccogliere tutte le varie incarnazioni di Xehanort stesso. Così facendo, essi daranno vita ad una nuovissima e potentissima Organizzazione XIII.

<<Il vero obbiettivo dell’Organizzazione era quello di cercare ‘’gusci’’ vuoti da riempire con i vari frammenti del cuore di Xehanort. Tuttavia, visto che molti membri riuscirono a ribellarsi, il piano iniziale fallì miseramente.>>

La prima versione della fantomatica Organizzazione XIII

Durante la storia, inoltre, verremo a scoprire che la nuova organizzazione sia già ben che creata ed le varie forme di Xehanort sono a capo di tutto. Xigbar cercherà di trasformare anche Sora in un ‘’recipiente’’ per Xehanort, da aggiungere all’organizzazione, ma ovviamente il ragazzo si rifiuterà categoricamente decidendo di affrontare Xigbar e Xemnas. Sora riuscirà ad avere il meglio sui due, la questo porterà troppi danni al suo cuore buttando il ragazzo ancora una volta in uno stadio comatoso. Il giovane Xehanort recupererà il corpo del ragazzo, portandolo al castello. Il cuore di Sora come risultato si lascerà sopraffare dalle tenebre e solo il cuore di Ventus riuscirà a salvare il ragazzo da un destino catastrofico.

Anche Riku, dopo aver finito il suo compito di richiudere le serrature, si ritroverà nel mondo che non esiste. Qui, troverà il corpo inconscio di Sora, fluttuante all’interno i un campo di forza. Nel tentativo di salvare l’amico, Riku affronterà un’oscura creatura che, una volta sconfitta, trascinerà il ragazzo verso il buio presente nel suo cuore. Durante questo avvenimento, Riku incontrerà ancora una volta Ansem l’ Heartless che svelerà al ragazzo di essere un Dream Eater. Ancora una volta Ansem cerca di corrompere il cuore di Riku, ma stavolta il ragazzo dimostra un volantà d’acciaio, consumando così la sua oscurità interiore. Questo porterà Riku ad affrontare per un’ultima vota (almeno per il momento) Ansem, avendo la meglio su di lui. Una volta sconfitto Ansem il ragazzo riuscirà a liberarsi dai sogni si Sora, trasportandosi davanti al castello dell’organizzazione. Qui Riku troverà l’amico in stadio comatoso e il giovane Xehanort che gli rivela l’intenzione di usare il corpo di Sora come il tredicesimo recipiente, visto che i piani di controllare Riku e Roxas si erano rivelati fallimentari.

Durante lo stesso frangente, Riku incontrerà tutte le versioni di Xehanort presenti nell’attuale organizzazione e verrà a scoprire che anche il vecchio Maestro Xehanort è riuscito a ritornare in vita. Topolino, nel frattempo, scopre del pericolo in cui si stanno trovando Riku e Sora e decide di intervenire per aiutarli. Tuttavia, il re verrà fermato dal giovane Xehanort che, grazie alle conoscenze del Maestro Xehanort riuscì ad impugnare il suo Keyblade. Ma anche con questo potere, il giovane Xehanort non riesce ad avere la meglio su Riku, regalando cosi la vittoria a quest’ultimo (anche se solo in parte, visto che il Maesto Xehanort riuscirà ad essere rianimato del tutto). Il Maestro Xehanort rivelerà a Riku e Topolino il suo obbiettivo finale, ovvero quello di creare le 13 oscurità da combattere contro le 7 luci, cosi da ricreare il X-Blade ed impossessarsi di Kingdom Hearts.

Dopo questa lunga spiegazione da parte di Xehanort, il vecchio cercherà di trasferire una parte del suo cuore nel corpo di Sora. Riku e Topolino cercheranno di impedirlo ma verranno subito placcati da Xemnas e Ansem. Quando il tutto sembrava andare per il peggio, Lea riesce ad intervenire giusto in tempo, per fermare l’intento di Xehanort e salvare i 3 ragazzi. Il vecchio maestro, in un ultimo tentativo, evocherà un potente Heartless per cercare di fermare il gruppo. Tuttavia, grazie all’ intervento di Pippo e Paperino, il piano fallirà ancora una volta ed il Maestro Xehanort  sarà costretto a ritirarsi insieme ai membri dell’organizzazione. Xehanort promette di ritornare e dichiara ai nostri eroi una vera e proprio guerra.

Da Nobody ad eroe del Keyblade…il passo è relativamente corto!

Il gruppo ritornerà dal maestro Yen Sid nella Torre Misteriosa con il corpo ancora inconscio di Sora. I ragazzi aggiorneranno il maestro del Keyblade, svelandogli l’attuale piano di Xehanort. Dopo i vari ‘’resoconti’’ Riku scoprirà che, per svegliare Sora, dovrà usare il potere ottenuto sigillando le sette serrature. Il potere permetterà al ragazzo di tuffarsi nel corpo di Sora per riassemblare il suo cuore spezzato. Durante il processo tuttavia, Riku si vedrà costretto a  combattere contro un Sora ormai corrotto dall’oscurità per colpa di un Incubo. Il ragazzo riuscirà ad avere la meglio su Sora, ma cosi facendo lo farà scomparire. Per ritrovarlo Riku aprirà una serratura verso una versione delle Isole del Destino dove incontrerà Roxas, Ventus, Xion ed infine una proiezone dei dati nascosti da Ansem Il Saggio. Grazie a quest’ultimo, Riku verrà a conoscenza della capacità di Sora nel connettersi con il cuore degli altri. Inoltre il saggio maestro svelerà al ragazzo che, grazie al suo intervento sul Incubo di Sora, probabilmente avrà già riacquisito la capacita di svegliarsi nel mondo reale.

Così, Riku decide di tornare nel mondo reale, dove troverà l’amico di nuovo cosciente e pronto a festeggiare la fine del loro esame. Yen Sid finalmente svela i risultati e nomina soltanto Riku come vero maestro Keyblade. Sora purtroppo, cedendo all’oscurità, non sarebbe riuscito a compiere a pieno la sua prova. Il ragazzo tuttavia non sembra buttarsi giù, e promette di riprovare in futuro a diventare un maestro. Anche Lea afferma di voler affrontare l’esame della Maestria, visto che è in possesso di un Keyblade tutto suo. Con i vari esami alle spalle, i ragazzi ritornano alle loro case. Solo Yen Sid e Topolino continueranno a discutere per giorni su cosa avrebbero dovuto fare, fare vista l’imminente minaccia della prossima guerra dei Keyblade. Yen Sid rivela a Topolino che i 7 guardiani della luce dovranno essere riuniti per proteggere le principesse della luce e affrontare le 13 parti oscure create da Xehanort.

Tuttavia i ragazzi, per arrivare a 7 avranno ancora bisogno di un membro e la proposta di chi esso dovrà essere arriva da Riku stesso. Il ragazzo proporrà Kairi come prossima erede della luce, dato che è già una delle 7 principesse. Yen Sid concorda con il ragazzo, ma ricorda gli ricorda che, per proteggere le 7 principesse, dovranno salvare anche Ventus, Terra ed Aqua. Topolino svelerà così il sacrificio di Aqua a Riku e gli spiegherà per quale motivo il ragazzo non è stato tenuto a conoscenza di questo dettaglio. Adesso che Riku è un vero maestro, i due potranno attraversare il mondo oscuro con l’obbiettivo di trovare Aqua. I due non esiteranno un momento e decideranno di seguire subito le tracce di Aqua, non prima però di equipaggiarsi a dovere per affrontare il regno oscuro. Kairi e Lea verranno mandati dal mago Merlino cosi da allenarsi per diventare maestri Keyblade per poi unirsi alla battaglia finale. Anche Sora, subito dopo la dipartita dei suoi amici, arriverà alla torre di Yen Sid per ricevere la sua missione. Tuttavia, il maestro da delle brutte notizie al ragazzo, dicendogli che, durante la sua corruzione, avrebbe perso il potere del risveglio. Quindi il maestro gli assegnerà il compito di viaggiare fino alle terre dell’Olimpo per imparare da un altro eroe caduto, come riacquistare la speranza.

”Si parte verso una nuova avventura!”

Così Pippo, Paperino e Sora si imbarcheranno verso una nuova avventura, portando alla conclusione la nostra storia. Ovviamente le avventure dei ragazzi riceveranno una conclusione soltanto durante l’ultimo capitolo. Ancora una volta vi ringraziamo per aver seguito questo ‘’viaggio’’ insieme a noi e non vediamo l’ora di dirvi cosa ne pensiamo dell’ultima avventura di Sora. La nostra recensione sarà online venerdì 8 febbraio, quindi se siete interessati di sapere la nostra opinione sul titolo, vi invitiamo a rimanere aggiornati.

THE END!

Altri articoli in Speciali

Nintendo Switch Lite: un sistema per tutti o per nessuno?

Andy Bercaru12 Luglio 2019

Crash Team Racing Nitro Fueled: ecco tutte le scorciatoie delle piste

Alessandro Niro24 Giugno 2019

I 5 migliori finali segreti dei videogiochi

Salvo Privitera20 Giugno 2019

Resoconto Nintendo Direct E3 2019, tutte le principali novità dell’evento

Andy Bercaru11 Giugno 2019

Resoconto PC Gaming Show E3 2019, tutte le novità della conferenza

Salvo Privitera11 Giugno 2019

Square Enix E3 2019: Recap generale di tutte le novità presentate durante la conferenza

Andy Bercaru11 Giugno 2019