Horizon Zero Dawn: perché un GDR? Lo spiega Guerrilla Games

News
Maria Elena Sirio
Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Stando al progetto iniziale, Horizon Zero Dawn non doveva essere un gioco di ruolo. A spiegarlo è Guerrilla Games. 

Il team infatti, in origine, avrebbe voluto semplicemente creare un gioco open world, ma si ritrovò presto costretto ad inserire altri elementi per poter spiegare la storia. Sono quindi diventate necessarie la presenza di una ruota dei dialoghi, e di una struttura che permettesse di scegliere tra missioni principali e secondarie.

A queste principali modifiche si sono poi aggiunte quelle fatte ai combattimenti, come la comparsa del danno inflitto ai nemici e altri dettagli.

Tutti elementi tipici dei giochi di ruolo, dunque, che hanno presto fatto capire al team di Guerrilla Games quale struttura avrebbe avuto il titolo.

Altri articoli in News

Cyberpunk 2077 non avrà nessuna schermata di caricamento in gioco

Salvo Privitera19 giugno 2018

F1 2018: Rivelato il contenuto del pre-order della Headline Edition

Francesco Palmiero19 giugno 2018

Fallout 76 in arrivo su Nintendo Switch?

Francesco Palmiero19 giugno 2018

Dragon Ball Xenoverse 2: Annunciato il DLC con Super Baby 2

Francesco Palmiero19 giugno 2018

Death Stranding: Kojima spiega il perché ha voluto lavorare con degli attori reali

Francesco Damiani18 giugno 2018

Beyond Good & Evil 2: La beta potrebbe arrivare entro la fine 2019

Francesco Damiani18 giugno 2018